logo-300x151Il nostro Istituto, che inserisce da anni nel POF progetti che guardano alla cittadinanza mondiale, ha aderito al Progetto europeo Global Schools di durata triennale, che mira a introdurre le competenze di global learning nella scuola primaria e secondaria di I grado, sperimentando la possibilità di riformare i curricoli scolastici, inserendo trasversalmente l’educazione alla cittadinanza mondiale. Vuole farlo partendo dal basso, attraverso la formazione degli insegnanti impegnati in percorsi di ricerca-azione.

Avviato ad aprile 2015 con capofila la Provincia autonoma di Trento, è stato elaborato nell’ambito del programma europeo DEAR (Development Education and Awareness Raising) insieme al Servizio emigrazione e solidarietà internazionale, al Dipartimento della Conoscenza, al Servizio Europa e al Centro per la Formazione alla Solidarietà Internazionale. A livello europeo coinvolge 10 paesi e 17 partner, rappresentanti di autorità locali e di attori della società civile. I paesi coinvolti, oltre all’Italia, sono Austria, Bulgaria, Francia, Irlanda, Lettonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca e Spagna. Partner del progetto in Italia sono CVM (Comunità Volontari per il Mondo, ONG che dedica molte energie all’educazione alla cittadinanza globale) e la Regione Marche, che contribuisce anche con l’Università per la pace. Il progetto mira a coinvolgere una varietà di fasce sociali che vanno dai politici ai cittadini, dagli insegnanti ai giornalisti, dai genitori alle associazioni del territorio che operano nelle tematiche dell’Agenda 2030.

Nel nostro Istituto un gruppo di docenti delle scuole Donatello e Faiani hanno partecipato nell’a.s. 2016-2017 alla formazione e alla ricerca-azione della rete locale (capofila I.C. “Levi Montalcini” di Chiaravalle) per sperimentare in classe Unità di Apprendimento centrate sugli indicatori di global learning.